Osteocondrosi lombare: sintomi e trattamento

Cos'è l'osteocondrosi della colonna vertebrale lombare

L'osteocondrosi della colonna lombare è una malattia comune che colpisce la qualità della vita di una persona ed è una delle cause della disabilità.

La patologia è più comune nelle persone di età superiore ai 40 anni, è caratterizzata da progressione graduale e pertanto richiede un trattamento conservativo o chirurgico appropriato.

Meccanismo di sviluppo

Il meccanismo principale per lo sviluppo dell'osteocondrosi è la malnutrizione del tessuto cartilagineo delle strutture spinali.

La malattia include diversi collegamenti patogenetici:

  • Una distrofia del tessuto cartilagineo dovuta alla malnutrizione è il principale fattore scatenante della patologia.
  • Degenerazione (danneggiamento e distruzione) della cartilagine della colonna vertebrale (dischi intervertebrali, superfici articolari dei processi vertebrali).
  • Reazione infiammatoria con edema tissutale, congestione sanguigna, dolore.
  • Modifica del rapporto delle strutture anatomiche della cresta lombare (appiattimento dei dischi intervertebrali con altezza decrescente), che porta a una riduzione del diametro dei fori tra le vertebre attraverso i quali passano le radici del midollo spinale.
  • Compressione delle fibre nervose delle radici del midollo spinale, che porta alla compromissione del passaggio degli impulsi e al successivo sviluppo dei corrispondenti sintomi neurologici.

I cambiamenti nei componenti della cartilagine si sviluppano gradualmente in un lungo periodo di tempo. L'inizio tempestivo dell'attuazione di misure preventive e terapeutiche consentirà di rallentare la progressione della malattia.

motivi

L'osteocondrosi della cresta lombare è una malattia polietiologica che si sviluppa per diversi motivi:

  • Disposizione ereditaria che determina le proprietà nutritive del tessuto cartilagineo a livello genetico.
  • Malattie degli organi del sistema endocrino, digestivo e cardiovascolare.
  • Malattie infiammatorie autoimmuni delle articolazioni spinali (artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico, reumatismi).
  • Disturbi metabolici nel corpo umano.
  • Lavoro fisico pesante sistematico con aumento dello stress sulla colonna vertebrale, sollevamento pesi.
  • Lesioni spostate alla colonna vertebrale, in particolare alla colonna lombare (la ragione della violazione del rapporto tra i componenti delle vertebre con la successiva provocazione dello sviluppo di distrofia e degenerazione).
  • Anomalie congenite o difetti della colonna vertebrale.

La realizzazione degli effetti negativi della causa è meglio possibile sullo sfondo dei seguenti fattori di rischio:

  • Peso aumentato, che aumenta il carico sulla colonna vertebrale.
  • Diagnosi sistematica a lungo termine del corpo umano in piedi.
  • Postura sbagliata.
  • Ipotermia, anche localmente nella parte posteriore.
  • Stress sistematico, stress, mancanza di sonno, lavoro irrazionale e riposo.

La conoscenza delle cause e dei fattori di rischio consente misure preventive efficaci.

Sintomi dell'osteocondrosi lombare

Il possibile sviluppo dell'osteocondrosi è indicato dalla comparsa dei seguenti sintomi caratteristici:

  • Dolore nella regione lombare, che si manifesta inizialmente quando il carico sulla colonna vertebrale aumenta. Quindi diventa permanente, ha un carattere tirante o dolorante e si intensifica gradualmente.
  • Irradiazione del dolore alla gamba sul lato della lesione alla radice del midollo spinale.
  • Aumento del tono (tensione) dei muscoli della schiena nella colonna lombare.
  • Forza muscolare ridotta in una o entrambe le gambe.
  • Dolore alla schiena periodico causato da ipotermia locale e sforzo fisico.
  • Lesioni alla sensibilità della pelle su una o entrambe le gambe, accompagnate da intorpidimento e formicolio.
  • "Piedi freddi" - La pelle è fredda quando c'è uno spasmo delle arterie causato dalla compressione delle fibre del nervo autonomo nelle radici della colonna vertebrale.
  • Infortunio al sudore: la pelle delle gambe diventa secca o, al contrario, aumenta la sudorazione.
  • Peeling della pelle nell'area del disturbo della sensibilità causato da una violazione dell'innervazione autonomica.

L'osteocondrosi è una malattia cronica. I sintomi clinici aumentano gradualmente per un lungo periodo di tempo. I periodi di miglioramento (remissione) sono sostituiti da un deterioramento della patologia, che è accompagnato da un aumento dei sintomi clinici. Dopo l'esposizione a un fattore provocante (ipotermia, stress fisico ed emotivo, stress), è possibile un forte aumento parossistico del dolore, causato da una reazione infiammatoria e gonfiore dei tessuti molli nell'area delle radici della colonna vertebrale.

A seconda dei sintomi predominanti, esistono diverse forme cliniche della malattia:

  • La lombodinia è un dolore alla schiena parossistico ricorrente che si sviluppa dopo l'esposizione a fattori provocatori.
  • Lumboishalgia: il dolore si manifesta nella parte bassa della schiena e si irradia ai glutei o alle gambe.
  • Radicolite: il processo patologico è accompagnato dalla compressione di una o più radici, mentre il quadro clinico è dominato da sintomi neurologici, inclusa una violazione della sensibilità della pelle e una diminuzione della forza muscolare.
  • Radicolemia - La compressione colpisce i vasi arteriosi mentre si sviluppano gravi disturbi del movimento.

Ogni forma clinica di osteocondrosi non si sviluppa isolatamente, di solito si combinano tra loro. Nel tempo, le condizioni della persona peggiorano. Una grave distruzione delle strutture cartilaginee può portare alla disabilità.

Diagnosi

La diagnosi di osteocondrosi della cresta lombare si basa sulla visualizzazione dei cambiamenti nelle vertebre, nei dischi intervertebrali e nei tessuti molli.

Vari metodi di ricerca strumentale sono assegnati a questo scopo:

  • La radiografia è una tecnica con cui è possibile visualizzare i principali cambiamenti. È ampiamente utilizzato per la sua disponibilità.
  • La tomografia computerizzata è un metodo a raggi X per la scansione di tessuto strato per strato, che ha un'alta risoluzione e consente la visualizzazione di modifiche minime.
  • Tomografia a risonanza magnetica: la visualizzazione dei tessuti avviene a causa dell'effetto di risonanza dei nuclei delle sostanze organiche in un campo magnetico. Ciò implica una scansione fetta per fetta eliminando l'esposizione alle radiazioni del corpo del paziente.

Per determinare il tipo e la gravità dei possibili cambiamenti funzionali nel corpo, è richiesto un esame aggiuntivo. Comprende esami del sangue, esami delle urine, esami del fegato, dei reni ed elettrocardiogrammi. Sulla base dell'analisi di tutti i risultati dell'esame, il medico trae una conclusione e seleziona il trattamento appropriato.

Trattamento della colonna lombare

La terapia dell'osteocondrosi della colonna lombare è complessa e comprende diverse aree:

  • Consigli generali e nutrizione.
  • terapia farmacologica.
  • Intervento chirurgico.

La scelta della direzione del trattamento è fatta dal medico. Sulla base dei risultati dell'esame clinico e aggiuntivo, determina il trattamento più ottimale.

Informazioni generali e nutrizione

Le raccomandazioni generali dovrebbero accompagnare il trattamento dell'osteocondrosi della colonna lombare, indipendentemente dalla gravità del processo patologico. Questi includono:

  • Dieta razionale con restrizione dei cibi fritti, escluso l'alcol dalla dieta.
  • Restrizione di uno sforzo fisico intenso, inclusa la permanenza prolungata del corpo umano in una posizione.
  • Razionalizzazione del lavoro e del riposo: ogni ora di lavoro dovrebbe avere una piccola pausa (di solito 10 minuti sono sufficienti). Se il lavoro è a riposo o seduto, puoi fare un piccolo esercizio.
  • Fermare le cattive abitudini, poiché la nicotina e l'alcol accelerano i processi di distrofia e degenerazione del tessuto cartilagineo.
  • Eliminazione degli effetti dei fattori di stress, emozioni negative che peggiorano il corso dei processi patologici nel corpo.

L'implementazione di raccomandazioni generali consente di prevenire la progressione del processo patologico e di aumentare l'efficacia di altre aree terapeutiche.

Farmaci

I farmaci sono prescritti come parte del trattamento conservativo dell'osteocondrosi.

Vengono utilizzati medicinali di vari gruppi farmacologici:

  • Farmaci antinfiammatori non steroidei: riducono la gravità della risposta infiammatoria nei tessuti e nel dolore. Sono prescritti per ridurre l'intensità delle manifestazioni di esacerbazione dell'osteocondrosi.
  • Rilassanti muscolari - I farmaci riducono il tono dei muscoli striati nella regione spinale, riducendo così la tensione dei tessuti e la compressione delle radici spinali.
  • ormoni surrenali glucocorticosteroidi - riducono la risposta infiammatoria.
  • diuretici: riduzione della gravità dell'edema nei tessuti molli dell'area interessata dal processo patologico delle strutture della colonna vertebrale. Ciò ridurrà le manifestazioni del processo patologico e ridurrà la violazione delle radici della colonna vertebrale.
  • I condroprotettori sono mezzi che proteggono il tessuto cartilagineo dai danni e contribuiscono anche al suo parziale ripristino.
  • Vitamine del gruppo B - normalizzano i processi metabolici nel tessuto nervoso e migliorano lo stato funzionale delle radici spinali danneggiate dopo un infortunio.
  • Vitamina C (acido ascorbico) - migliora la condizione delle strutture del microvascolare, un effetto antiossidante ottenuto legando e neutralizzando i radicali liberi ("frammenti" di molecole organiche che contengono un elettrone spaiato e danneggiano le strutture di membrana delle cellule).

Il dosaggio e la durata del consumo di farmaci sono determinati dal medico curante in base ai risultati della ricerca e all'efficacia della terapia precedente.

intervento chirurgico

Un'operazione per l'osteocondrosi della colonna lombare è indicata in caso di cambiamenti pronunciati, nonché in assenza del risultato desiderato dopo la terapia conservativa. L'obiettivo è eliminare i difetti nel tessuto cartilagineo alterato, seguito dalla plastica. Nelle moderne strutture mediche, gli interventi chirurgici vengono eseguiti utilizzando tecniche endoscopiche minimamente invasive. Contemporaneamente al trattamento chirurgico, vengono prescritti farmaci che accelereranno il processo di guarigione di una ferita postoperatoria ed eviteranno lo sviluppo di complicanze. L'uso di moderne tecniche minimamente invasive ha ridotto significativamente il tempo trascorso da un paziente in ospedale.

Prevenzione

La prevenzione dello sviluppo dell'osteocondrosi della cresta lombare comporta l'attuazione di semplici raccomandazioni. È importante limitare lo stress sulla colonna vertebrale, abbandonare le cattive abitudini, snellire il lavoro e il riposo e garantire un sonno adeguato. La dieta mira a limitare i cibi fritti e grassi, un adeguato apporto di vitamine, minerali e fibre vegetali. Ciò consente di normalizzare lo stato funzionale dell'apparato digerente, oltre a migliorare la nutrizione delle strutture cartilaginee del sistema muscolo-scheletrico e rallentare i processi di degenerazione.

La prognosi per una vita con osteocondrosi della colonna lombare è favorevole. La malattia è caratterizzata da una progressione graduale. In assenza di misure terapeutiche, il quadro clinico dell'osteocondrosi è accompagnato da un aumento dei sintomi. Allo stesso tempo, la condizione umana si deteriora e le manifestazioni diventano permanenti. Provocano un notevole disagio e compromettono la qualità della vita. Per evitare la progressione delle manifestazioni negative, dovresti cercare immediatamente un aiuto medico qualificato.