DOLORE COMUNE - Da dove viene e come combatterlo?

Cause e trattamento del dolore articolare

Il dolore alle articolazioni può verificarsi a qualsiasi età e per un motivo che a prima vista è completamente inspiegabile. Le statistiche mostrano in modo inarrestabile che il 50% delle persone dopo i 40 anni e quasi il 90% dopo i 70 anni deve affrontare questo problema. Il tipo di dolore articolare e le sue cause possono variare. Allo stesso tempo, la medicina moderna offre di trattare i sintomi del dolore con più o meno gli stessi mezzi, che spesso hanno solo un effetto temporaneo. Tuttavia, la radice di questo problema è molto più profonda di quanto molti pensano. Quindi, deve essere risolto in un modo completamente diverso.

Dolore articolare: un'eco ossessiva di un problema grave

Dolore articolare: la definizione non è del tutto corretta. Nel complesso non c'è nulla da ferire nelle articolazioni poiché sono private delle proprie terminazioni nervose. I filamenti del segnale sono adiacenti alla superficie della borsa contenente la cartilagine. Trasmettono un segnale su possibili stimoli che mettono in pericolo l'integrità dell'articolazione. Questi ultimi includono varie sostanze estranee: virus, tossine, cristalli di sale e simili.

Anche così, il dolore articolare o l'artralgia è un sintomo più che reale che viene prontamente confermato da chiunque l'abbia mai riscontrato. Le sensazioni di dolore a volte sono così forti che una persona è costretta a limitare le proprie attività perché ha paura di disturbare nuovamente l'articolazione irrequieta. Tuttavia, l'artralgia può manifestarsi in uno stato di completa calma e causare un'agonia atroce.

Perché le articolazioni fanno male?

Perché le articolazioni fanno male non si può dire con certezza. La causa esatta può essere determinata solo da uno specialista dopo l'esame necessario. I fattori che causano l'artralgia di solito includono:

  • Stile di vita eccessivamente attivo. Non c'è da stupirsi che il dolore articolare sia un vero flagello per gli atleti professionisti.
  • Mancanza di esercizio. Un'attività fisica insufficiente porta ad un deterioramento dell'afflusso di sangue al tessuto connettivo e, di conseguenza, alla loro alimentazione inadeguata. E le articolazioni possono esprimere la loro protesta solo in un modo.
  • Vari infortuni. Il dolore che divampa nell'articolazione, ad esempio dopo una caduta da una grande altezza o un movimento incauto, può ripresentarsi dopo un po 'e trasformarsi in dolore cronico. E questo è già un segnale eloquente per la distruzione della cartilagine, cioè la progressiva artrosi.
  • Obesitàè un altro tipico fattore che causa lo sviluppo di patologie articolari e quindi l'insorgenza di artralgia. La natura ha dato alle nostre articolazioni una gamma colossale di punti di forza, anche tenendo conto delle variazioni del peso corporeo. Ad esempio, 500 grammi in più di peso nelle articolazioni del ginocchio sembrano 2, 5 chilogrammi aggiuntivi. Una sfida seria!
  • Ora immaginiamo come si sentono le nostre ginocchia quando mettiamo almeno 5-10 chili in più. Se questo è costruire muscoli, non è spaventoso. Una delle principali funzioni dei muscoli è sostenere e rafforzare gli organi del sistema muscolo-scheletrico. È un'altra cosa se è grasso. In questo caso, i giunti vengono semplicemente appiattiti, come sotto una pressa idraulica. Naturalmente, questo processo avverrà gradualmente, ma se non ti prendi in tempo e non ti prendi cura di te stesso, è molto probabile che finirai su una sedia a rotelle prima del pensionamento a causa dell'osteoartrosi precoce. E se il dolore articolare può ancora essere tollerato nelle prime fasi, diventa semplicemente insopportabile in seguito.

  • Infezioni da virus. Sicuramente chiunque non abbia avuto la fortuna di avere l'influenza almeno una volta conosce una tale condizione, che viene comunemente chiamata dolore alle ossa nel linguaggio quotidiano. Questo è il modo in cui le articolazioni reagiscono effettivamente alle infezioni. Di solito questi sintomi fastidiosi scompaiono irrevocabilmente una volta che il paziente inizia a riprendersi. Tuttavia, l'influenza e altre malattie virali spesso causano complicazioni alle articolazioni. In questo caso, l'artralgia può diventare un sintomo di una malattia ancora più grave: l'artrite infettiva.
  • genetica.È noto che alcune malattie articolari, la cui natura non è ancora completamente spiegata dagli scienziati, possono essere ereditate. Nell'artrite reattiva, il dolore articolare è molto comune in giovane età e la scienza moderna non è ancora in grado di valutare appieno questo fenomeno.
  • Disturbi dei processi metabolici. Sebbene questo punto sia in fondo alla lista, secondo una serie di esperti, è considerato fondamentale per determinare le cause dello sviluppo della maggior parte delle patologie osteoarticolari. In particolare, diventa chiaro come le sostanze estranee penetrano nel tessuto cartilagineo, provocando così lo sviluppo del processo infiammatorio e la comparsa di sintomi di dolore caratteristici.

Assumere almeno sali di calcio, i cui depositi nel tessuto connettivo provocano la formazione di crescita ossea (osteofiti) con conseguente distruzione della cartilagine. Il calcio, un aiuto affidabile per la nostra salute, può essere provocato a tale sabotaggio solo da un grave malfunzionamento biologico. Secondo gli scienziati, questa è una violazione dei processi endocrini, in assenza di un numero di ormoni essenziali, incluso il testosterone, che è responsabile della ridistribuzione delle sostanze nel corpo.

Dolore articolare: presagio di grandi problemi

Secondo un altro punto di vista, il dolore articolare è una conseguenza dei processi distruttivi nella struttura scheletrica. Questa teoria è supportata dal fatto seguente: nelle aree in cui si verificano dolore e infiammazione nell'articolazione, si nota la distruzione del tessuto osseo.

La causa principale di questi problemi è la stessa: una violazione del metabolismo del calcio. Tutti sanno che questo minerale è essenziale per la costruzione delle ossa. Tuttavia, non può svolgere da solo questa importante missione. Quando i meccanismi di assorbimento e ridistribuzione del calcio falliscono, diventa un peso per il corpo.

La maggior parte del calcio consumato, insieme a quello che viene lavato via dalle ossa, si deposita nei vasi, negli organi interni e anche nel tessuto cartilagineo. In quest'ultimo caso, come accennato in precedenza, questo macronutriente diventa la causa dello sviluppo di patologie articolari. A questo punto, tuttavia, il processo di distruzione ossea era già in pieno svolgimento. Pertanto, ai primi segni di artralgia, ha senso sottoporsi a densitometria. Questo tipo di test aiuterà a determinare la densità minerale ossea.

Come vengono eliminati i dolori articolari? Tradizionalmente significa

Come vengono eliminati i dolori articolari? La risposta più semplice e ovvia a questa domanda è prendere un antidolorifico. In generale, non sarà possibile eliminare immediatamente questo problema in altro modo. L'artralgia non è una diagnosi, è un sintomo. Inoltre, un sintomo che avvelena letteralmente la vita. Tutti i tipi di analgesici, un'ampia varietà offerta dal moderno mercato farmaceutico, aiutano davvero, anche se solo per un breve periodo, ad alleviare la sofferenza. E poi cosa? Continui a prendere, sii ostaggio della pillola?

E gli stessi antidolorifici sono tutt'altro che innocui. Oltre alla dipendenza, sono pericolosi e hanno possibili effetti collaterali, di cui spesso anche i produttori non sono a conoscenza. Inoltre, ogni analgesico, anche il più forte, deve essere cambiato prima o poi, poiché i suoi effetti continuano a diminuire fino a quando non si risolve definitivamente.

Gli antidolorifici possono essere paragonati alle grate per facciate, utilizzate per coprire edifici in costruzione o degradati. Un tale travestimento aiuta fino a un certo momento. È quasi impossibile capire cosa ci sia dietro: non c'è dolore. Tuttavia, prima o poi la verità sarà ancora rivelata in modi del tutto banali: l'edificio semplicemente crollerà senza aspettare i costruttori.

Per evitare che ciò accada la prima volta, anche con il minimo dolore alle articolazioni, è necessario consultare un medico. Uno specialista ti aiuterà a determinare la vera causa del tuo problema e prescriverà il corso di trattamento necessario. Un vero specialista nel suo campo può già stabilire il quadro clinico generale sulla base dell'anamnesi primaria (indagine) e della palpazione dell'area articolare interessata. Tuttavia, per una diagnosi più accurata, può essere necessario un esame serio: un esame del sangue biochimico, una radiografia, ecografia, risonanza magnetica, TC, endoscopia, artroscopia, puntura articolare.

Per quanto riguarda l'ulteriore terapia, lo specialista non è interessato solo al tipo e alla frequenza del dolore articolare, ma anche ai sintomi associati. Ad esempio, un aumento locale della temperatura nell'area di un'articolazione problematica indica la presenza di un processo infiammatorio, cioè lo sviluppo dell'artrite. Di conseguenza, oltre ai suddetti antidolorifici, vengono prescritti farmaci antinfiammatori non steroidei. Questi ultimi sono soggetti a una serie di restrizioni all'ammissione: disturbi emorragici, malattie acute del tratto gastrointestinale e altri.

Il successo della terapia dipende in gran parte dal momento in cui è stata diagnosticata la malattia e dalle misure adottate per eliminarla. E qui va notato che con tutta l'abbondanza di dispositivi medici moderni, nessuno specialista può garantire un recupero finale. Naturalmente, nelle prime fasi, fino a quando la malattia non si sviluppa in una forma cronica, le possibilità di successo sono piuttosto alte. Tuttavia, nei casi più avanzati, quando la distruzione dell'articolazione è già in pieno svolgimento, l'unica cosa che il medico può fare è aiutare a rallentare questo processo distruttivo e quindi alleviare le condizioni del paziente. Nel peggiore dei casi, quando praticamente nulla è rimasto della cartilagine, l'unico modo per salvare una persona da una disabilità imminente è attraverso un intervento chirurgico, in cui l'articolazione danneggiata viene sostituita con una artificiale.

Come vengono eliminati i dolori articolari? Rimedi popolari

Gli specialisti in medicina alternativa possono anche dirti come sbarazzarti del dolore alle articolazioni. È difficile dire quanto siano efficaci tali metodi in realtà. Tuttavia, non si può trascurare che i guaritori tradizionali sono quasi andati oltre le loro controparti scientifiche nel risolvere questo problema.

Tuttavia, l'automedicazione deve essere eseguita con cautela e preferibilmente dopo aver consultato un medico. Inoltre, anche i chirurghi ortopedici professionisti a volte non esitano ad adottare l'esperienza della medicina tradizionale. Tuttavia, ciò non significa che devi provare subito una dozzina di ricette "collaudate", sperando che almeno una funzioni. È improbabile che qualcuno oserebbe fare impacchi di rafano grattugiato con cherosene, poiché dopo tali esperimenti devono anche curare le ustioni. Ancora più spaventoso è strofinare un'articolazione dolorante con una tintura alcolica di agarico di mosca.

Impacchi, bagni e decotti a base di erbe officinali e prodotti delle api possono essere considerati davvero utili e non meno importanti in quanto sicuri per la salute. Ad esempio, il dolore articolare causato dalla gotta è ben eliminato dall'ebollizione delle foglie di ribes fresche. Una tale tisana vitaminica fornisce alle articolazioni nutrienti aggiuntivi e, se assunta regolarmente, riduce significativamente i sintomi del dolore.

Un rimedio universale per l'artralgia consiste nello sfregare un unguento dalle radici di elecampane, bardana e consolida maggiore, grattugiate attraverso un tritacarne. 100 g della sostanza risultante vengono mescolati con 400 g di grasso interno e cotti in forno ad una temperatura minima di 2 ore. Anche un impacco a base di patate crude grattugiate è adatto a questi scopi.

I sottoprodotti vengono utilizzati con successo per i dolori articolari: miele, propoli, ape podmore. Le compresse a base di esse sono efficaci per alleviare il dolore e l'infiammazione, ma in termini di eliminazione dell'accumulo di sale nelle articolazioni, il problema qui è piuttosto controverso. Resta inteso che tali depositi possono accumularsi nel tessuto cartilagineo nel corso di molti anni, e quindi è ingenuo pensare che possano essere rimossi con normali sfregamenti e lozioni. Sembra tanto più assurdo usare un impacco di miele con sale per questi scopi.

Calcio dalle articolazioni - nel tessuto osseo

Tuttavia, è possibile rimuovere l'accumulo di minerali dalle articolazioni e prevenire naturalmente la formazione di osteofiti. A tal fine, gli scienziati hanno sviluppato uno strumento innovativo basato su un drone omogeneizzato. Questo fantastico prodotto, contenente le sostanze essenziali più ricche, aiuta a normalizzare i processi endocrini e, di conseguenza, aiuta a rimuovere i sali di calcio dal sangue, dai tessuti molli e dalle articolazioni. Inoltre, tutta questa riserva minerale non reclamata inizia a lavorare a beneficio del corpo e viene dirottata nel tessuto osseo ovunque sia necessario il calcio.

Come ripristinare il tessuto cartilagineo senza iniezioni e interventi chirurgici?

È incredibilmente difficile ripristinare il tessuto cartilagineo, soprattutto se è stato distrutto per anni. Il fatto è che le cellule condrocitiche responsabili della loro produzione costituiscono solo l'1% della massa totale dell'apparato articolare. Per motivi di chiarezza, puoi immaginare che un imprenditore sia stato incaricato di restaurare una città che era in rovina.

Per aiutare i condrociti a far fronte a questo compito impossibile, la medicina moderna offre varie soluzioni. Si tratta inizialmente di iniezioni di acido ialuronico direttamente nella cavità articolare. La procedura è molto complicata e dolorosa, ma spesso non porta al risultato desiderato.

Il secondo metodo è il trapianto di tessuto cartilagineo del donatore. Anche qui ci sono abbastanza insidie. Non esiste una garanzia al 100% che il biomateriale di qualcun altro attecchisca con successo, ma anche se l'intervento ha successo, c'è un rischio significativo di sviluppare il cancro.

Un metodo più conservativo per ripristinare il tessuto cartilagineo consiste nell'utilizzare i condroprotettori. Questi farmaci, che possono essere di origine sintetica o naturale, sono progettati per stimolare il processo di rinnovamento della cartilagine. In effetti, non tutti questi fondi svolgono il proprio lavoro con successo. Principalmente a causa del fatto che sono elementi estranei al corpo, il che significa che c'è un'alta probabilità che vengano rifiutati o causino effetti collaterali.

Il condroprotettore standard, che è perfettamente assorbito dall'organismo e consente alle cellule della cartilagine di dividersi attivamente, è la pianta ben nota: il dente di leone medicinale. Le sue radici contengono sostanze speciali taraxacina e taraxacerolo, che accelerano la produzione di nuovi condrociti. Ciò ripristinerà i tessuti interessati delle articolazioni.

Basato su questo componente naturale, viene utilizzato un innovativo processo di crioconsumo per produrre un additivo alimentare naturale. Il farmaco ha un effetto cumulativo, che consente al corpo di concentrare le risorse necessarie per una lotta efficace contro le patologie articolari. Allo stesso tempo, il quadro sintomatico caratteristico dell'artrite e dell'osteoartrite diminuisce gradualmente. La frequenza e l'intensità del dolore articolare sono ridotte e la loro mobilità è migliorata.